Trovata un’antica protesi per gamba in Cina



In un antico cimitero in Cina è stata scoperta una protesi per gamba con all’estremità uno zoccolo di cavallo: era attaccata al ginocchio deformato del suo proprietario, un uomo vissuto 2.200 anni fa.
«Gli scavatori hanno capito presto che la gamba sinistra dell’uomo era deformata, con femore, rotula e tibia fusi insieme e fissati a 80 gradi», scrivono gli archeologi in uno studio pubblicato sulla rivistaChinese Archaeology.
Il ginocchio, colpito da un’anchilosi, avrebbe reso difficile camminare o cavalcare. L’uomo non avrebbe potuto distendere la gamba sinistra ma, grazie alla protesi, sarebbe almeno riuscito a toccare il suolo col piede. Lo zoccolo di cavallo alla fine della protesi agiva come un piede.
La protesi «era fatta di legno di pioppo; ha sette buchi lungo i due lati, con delle cinghie di cuoio per attaccarlo alla gamba deformata», scrivono i ricercatori. «La parte più bassa della gamba ha una forma cilindrica, era avvolta in un corno di bue e finiva con uno zoccolo di cavallo, che avrebbe dovuto aumentare adesione e abrasione. La forte usura sulla parte in alto implica che venne utilizzata per molto tempo».
La datazione al radiocarbonio indica che la tomba di Turpan (o Turfan) risale a circa 2.200 anni fa. L’unica altra protesi di gamba al mondo, risalente a quell’epoca, era stata trovata in Italia a Capua. Quella gamba, fatta di bronzo, venne purtroppo distrutta in un bombardamento aereo durante la seconda guerra mondiale. Delle protesi di dita, ancora più antiche, erano state invece scoperte in Egitto.
Ricostruzione dell'uso della protesi (DAI)
Ricostruzione dell’uso della protesi (DAI)
Chi la usò?
Due altri studi, pubblicati su Bridging Eurasia e Quaternary International, forniscono ulteriori dettagli sull’uomo. Era alto circa 1 metro e 70, e alla morte aveva tra i 50 e i 65 anni.
Cosa causò la curiosa fusione del suo ginocchio? «Diversi fattori, come un’infiammazione dentro o intorno all’articolazione, reumatismo o trauma, potrebbero aver causato questo cambiamento patologico», scrivono gli archeologi su Bridging Eurasia.
I ricercatori hanno scoperto che l’uomo fu colpito dalla tubercolosi a un qualche punto della sua vita. Pensano che l’infiammazione possa aver causato una crescita ossea che ha fatto fondere il suo ginocchio. «La superficie liscia delle ossa affette dall’anchilosi [fusione dell’articolazione] suggerisce che un processo di infiammazione attiva si fermò anni prima della morte», scrivono i ricercatori suBridging Eurasia.
L’uomo sembra essere stato una persona di modeste condizioni, dato che venne sepolto senza oggetti di lusso: tazze di ceramica e un vaso, un piatto di legno e archi di legno. Poco dopo la sua morte, la tomba venne riaperta e fu aggiunto il corpo di una donna di vent’anni, sparpagliando le ossa dell’uomo. Non si sa se i due avessero avuto un qualche tipo di relazione. La tomba è una delle trenta scavate dagli archeologi nel cimitero.
(Chinese Archaeology)
(Chinese Archaeology)
(DAI)
(DAI)
(DAI)
(DAI)
(DAI)
(DAI)
I Gushi
Basandosi sui risultati della datazione al radiocarbonio, «gli occupanti del cimitero potrebbero essere appartenuti alla popolazione dei Gushi (o Jushi)», scrivono gli archeologi su Chinese Archaeology.
Si sa poco su questa popolazione. Gli antichi testi cinesi suggeriscono che i Gushi avessero un piccolo stato. «Come registrato nello Xiyu zhuan (il resoconto sulle regioni occidentali) dell’Hanshu (il Libro degli Han), durante la dinastia Han occidentale, nel bacino di Turfan viveva la popolazione di Gushi, che costituisce uno dei ‘Trentasei Stati delle Regioni Occidentali’ delle dinastie Qin e Han», scrivono gli archeologi. Secondo le fonti, lo stato di Gushi venne conquistato dalla dinastia cinese di Han durante una campagna militare nel I secolo a.C. «Dato che lo studio della cultura Gushi è ancora agli inizi, il cimitero fornisce nuovo materiale di valore».
Gli scavi nel cimitero sono stati condotti tra il 2007 e il 2008 dagli scienziati dell’Academia Turfanica, un istituto di ricerca. Le loro scoperte erano state pubblicate nel 2013 in cinese sulla rivista Kaogu, prima di essere tradotte recentemente su Chinese Archaeology. Gli articoli sullo scheletro dell’uomo apparsi su Bridging Eurasia e Quaternary International risalgono rispettivamente al 2014 e al 2013.

Mondo Tempo Reale

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment