Attenzione alla nuova truffa a danno degli anziani



Non c’è giorno che la stampa locale o nazionale non registri casi di truffa perpetrati ai danni dei più deboli, soprattutto anziani. Con agire truffaldino, gente senza scrupoli, non esita a carpire la buona fede di un anziano, approfittando che magari è solo e indifeso per estorcere loro denaro. Solo dopo essersi accorti di aver subito una truffa, i poveri nonnini sentono addosso l’umiliazione di esser stati derubati e ne passerà del tempo prima che queste povere vittime recuperino un po’ di serenità. Ne abbiamo sentite di tutti i colori negli anni passati, il talento creativo di questa gente senza scrupoli davvero non ha limiti così come la loro fantasia: quasi sempre, nella maggior parte dei casi, la truffa agli anziani si compie giocando sul fattore emotivo. Spesso all’anziano viene detto che il figlio ha subito un incidente e che ha immediato bisogno di denaro o che si trovano in difficoltà.

L’anziano colto alla sprovvista non può far altro che racimolare in casa la pensione, qualche oggetto d’oro e consegnarlo a questi ladri mascherati da gentiluomini. Come dicevamo, questa gente che agisce senza coscienza è pronta ad ogni bassezza e sembra che vada di moda, negli ultimi tempi, come truffa agli anziani, un nuovo modus operandi che lascia alla vittima tanta amarezza e la possibilità solo di sporgere denuncia con la vana speranza che vengano individuati e venga recuperata la refurtiva. Vediamo come operano i nuovi truffatori. Stando alle numerose denunce e segnalazioni arrivate nelle questure di Roma, la nuova truffa agli anziani è stata battezzata come truffa del ciuccio. Molte denunce, infatti, sono arrivate negli uffici del Commissariato Appio-Nuovo a Roma.



I truffatori entrano in casa dell’anziano

Il modus operandi è standardizzato. I ladri sono abili a far cadere “per caso” un ciuccio (si proprio il succhietto, la tettarella di gomma o caucciù che diamo ai nostri bambini piccoli per conciliare il sonno) sul balcone del malcapitato e allora bussano per entrare in casa dell’anziano chiedendo di recuperare il ciuccio perchè il piccolo piange. A compiere questa truffa sono quasi sempre donne, più credibili nella loro finta veste di madri in cerca del conforto per il loro neonato. Proprio sulla base di una segnalazione arrivata agli agenti del reparto prevenzione Crimine del Lazio allarmati da urla provenienti dal portone di un palazzo di via Nocera Umbra, nel quartiere Tuscolano, si è potuto procedere all’arresto di due donne italiane. Queste ultime avevano bussato al campanello della vittima per recuperare il ciuccio. L’anziana donna, fidandosi, ha fatto entrare le due donne in casa ma poi resasi conto che ai piani superiori non abitava nessun bimbo piccolo, ha cominciato a urlare per attirare l’attenzione su quelle due delinquenti in casa sua. Negli altri casi in cui la rapina, purtroppo, è andata a buon fine, le donne (sempre in coppia) agiscono così: mentre una si intrattiene con l’anziano sul balcone cercando il ciuccio e cercando di carpire la buona fede intrattenendolo con chiacchiere e lusinghe, l’altra persona entrata nell’appartamento velocemente e con abilità rovista alla ricerca di denaro e oggetti preziosi.

Aumentano le truffe agli anziani ma per fortuna anche le denunce

Può trascorrere anche molto tempo prima che l’anziano si renda conto che sia stato derubato. Magari ciò accade all’arrivo di un altro familiare o di un figlio giovane ma in questo modo i ladri hanno avuto la possibilità di agire indisturbati e far sparire le loro tracce. Non rimane che la denuncia e quando possibile visto che molti anziani per paura o vergogna neanche procedono alla denuncia. Ne abbiamo sentito delle belle, riguardo alle truffe per anziani, dalla truffa della lotteria a quella della finta donazione, ma questa del ciuccio davvero le batte tutte per fantasia. E c’è da aspettarsi che il numero delle vittime possa salire ancora.

http://letalpe.net/

Mondo Tempo Reale

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment