Una caserma imperiale romana scoperta vicino al Campo di Marte



Una nuova, eccezionale scoperta è stata annunciata ieri a Roma. Gli scavi per la Metro C hanno portato alla luce dei castra, 39 ambienti che costituivano gli alloggi militari di un edificio grandissimo e di cui a tutt’oggi si ignorano le reali dimensioni. Si trovano alle pendici meridionali del Celio, e conservano ancora alcuni affreschi e mosaici.
I ritrovamenti occupano un’area di 1.753 metri quadrati e risalgono alla prima metà del II secolo, probabilmente all’epoca dell’imperatore Adriano (76-138 d.C.).
Una scoperta di enorme interesse per la storia di Roma: qui alloggiavano i soldati che andavano ad allenarsi nel vicino Campo di Marte, oggi piazza San Giovanni. Lì ogni anno, tra febbraio e marzo, si festeggiava Marte, dio della guerra, e si allenavano le milizie e la cavalleria imperiale.
A view of ancient roman ruins discovered during work on a new underground line, in Rome, Monday, May 16, 2016. Work on the Metro C being built through the center of Rome has once again run into ancient roman ruins, this time the barracks for the Roman Praetorian guards dating back to the period of Emperor Hadrian, in the second century A.D. Officials say the barracks cover 900 square meters, and include a 100 meter hallway with 39 rooms. (ANSA/AP Photo/Alessandra Tarantino) [CopyrightNotice: Copyright 2016 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistribu]
(ANSA/AP Photo/Alessandra Tarantino)
Un enorme edificio
La caserma è emersa a 9 metri di profondità, nel cantiere della stazione Amba Aradam-Ipponio. Era stata scoperta tra novembre e dicembre del 2015, durante le indagini archeologiche.
Grazie ai bolli impressi sui mattoni, è stato possibile datare l’enorme struttura ai tempi dell’imperatore Adriano. «Si tratta di una scoperta tanto eccezionale quanto inaspettata – ha aggiunto il soprintendente ai Beni archeologici per Roma Francesco Prosperetti – queste caserme furono abbattute per favorire la costruzione delle mura aureliane tra il 271 e 275».
Le foto mostrano quel che resta di 39 stanze quadrangolari, collegate da corridoi paralleli, con muri in laterizio intonacati di rosso e pavimenti a mosaico con disegni geometrici in bianco e nero. A poca distanza dalla caserma vi era un ossario del V secolo d.C. con i resti di 12 persone.
Le dimensioni del complesso sono imponenti: la parte riportata alla luce copre più di 1.700 metri quadrati, e probabilmente un’altra parte consistente è ancora sepolta, dieci metri sotto il livello delle strade. Dai rilievi preliminari svolti nei mesi precedenti non era emerso niente che facesse sospettare l’esistenza di un complesso così grande.
(ANSA)
(ANSA)
Un archeologo controlla i resti umani rinvenuti (ANSA/AP Photo/Alessandra Tarantino)
Un archeologo controlla i resti umani rinvenuti (ANSA/AP Photo/Alessandra Tarantino)
(ANSA/AP Photo/Alessandra Tarantino)
(ANSA/AP Photo/Alessandra Tarantino)
Un cantiere infinito
«Oggi abbiamo la possibilità di renderle godibili ai romani attraverso un nuovo progetto di questa stazione. Faremo un restauro ed un successivo distacco degli affreschi e dei mosaici. Il vero tema è come questo ritrovamento potrà influenzare l’aspetto della futura stazione. Andranno spostate le scale mobili ad esempio e dovremo dare anche un significato a questo spazio», ha detto Prosperetti.
«I lavori non si interromperanno. Non ci sarà alcuno stop al cantiere. Ovviamente il progetto della stazione subirà cambiamenti. Il piano è riprogettare gli aspetti funzionali e architettonici in funzione del ritrovamento che sarà smontato e rimontato come era e dove era. Come conservare i resti è un tema che stiamo approfondendo attraverso una richiesta fatta alla stazione appaltante ed al consorzio appaltatore di un progetto di fattibilità di questo intervento. Ci sarà consegnato a breve», ha dichiarato Prosperetti durante il sopralluogo alla stazione.
«La nostra idea è che si possa operare sostanzialmente su tre direttrici: il restauro ed il successivo stacco dei mosaici, il restauro ed il successivo stacco degli affreschi, il sezionamento delle murature ed il loro accantonamento nel cantiere per una successiva ricollocazione. L’idea di sezionare i ritrovamenti ed accantonare qui vicino l’impianto è qualcosa che non ci spaventa».
Media visit the site where ancient roman ruins were discovered during work on a new underground line, in Rome, Monday, May 16, 2016. Work on the Metro C being built through the center of Rome has once again run into ancient roman ruins, this time the barracks for the Roman Praetorian guards dating back to the period of Emperor Hadrian, in the second century A.D. Officials say the barracks cover 900 square meters, and include a 100 meter hallway with 39 rooms. (ANSA/AP Photo/Alessandra Tarantino) [CopyrightNotice: Copyright 2016 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistribu]
(ANSA/AP Photo/Alessandra Tarantino)
La caserma romana del II secolo ritrovata sotto la Metro C, foto Paola Mentuccia
(ANSA/Paola Mentuccia)
A view of ancient roman ruins and mosaics discovered during work on a new underground line, in Rome, Monday, May 16, 2016. Work on the Metro C being built through the center of Rome has once again run into ancient roman ruins, this time the barracks for the Roman Praetorian guards dating back to the period of Emperor Hadrian, in the second century A.D. Officials say the barracks cover 900 square meters, and include a 100 meter hallway with 39 rooms. ANSA/PAOLA MENTUCCIA
(ANSA/Paola Mentuccia)
A view of ancient roman ruins and mosaics discovered during work on a new underground line, in Rome, Monday, May 16, 2016. Work on the Metro C being built through the center of Rome has once again run into ancient roman ruins, this time the barracks for the Roman Praetorian guards dating back to the period of Emperor Hadrian, in the second century A.D. Officials say the barracks cover 900 square meters, and include a 100 meter hallway with 39 rooms. ANSA/PAOLA MENTUCCIA
(ANSA/Paola Mentuccia)
A view of ancient roman ruins and mosaics discovered during work on a new underground line, in Rome, Monday, May 16, 2016. Work on the Metro C being built through the center of Rome has once again run into ancient roman ruins, this time the barracks for the Roman Praetorian guards dating back to the period of Emperor Hadrian, in the second century A.D. Officials say the barracks cover 900 square meters, and include a 100 meter hallway with 39 rooms. ANSA/PAOLA MENTUCCIA
(ANSA/Paola Mentuccia)

ilfattostorico.com

Mondo Tempo Reale

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment