Ricostruita la musica del computer di Turing

Una scultura in onore di Alan Turing (1912-1954) a Bletchley Park, in Inghilterra.|KLEER001 / FLICKR
Studiosi neozelandesi hanno restaurato la registrazione di un frammento di musica che Alan Turing fece suonare a una macchina nel suo laboratorio di Manchester.

Oltre a essere un genio della matematica, un maratoneta e un teorico della computazione, Alan Turing, lo scienziato inglese che contribuì alla nascita degli odierni computer, si interessò anche di musica. Sempre partendo dalle “macchine pensanti”; ovviamente. Per questo riuscì a programmare lo strumento che aveva creato nel Computing Machine Laboratory a Manchester, in Inghlterra.

DISTORSIONE. La musica fu registrata nel 1951 da una troupe della Bbc ma quando l’acetato, una forma “primitiva” di vinile, è stato esaminato da Jack Copeland (dell’Università di Chistchurch in Nuova Zelanda) e dal compositore Jason Long, i due studiosi hanno scoperto che le frequenze erano distorte. Non si capivano cioè bene i risultati dell’esperimento di Turing.

MUSICHETTE. Filtrando rumori estranei, compensando le oscillazioni dell’acetato e modificando la velocità dell’audio, i due sono riusciti a scoprire con precisione quello che il computer di Turing aveva prodotto. Sono tre brani di musica inglese, tra cui l’inno nazionale britannico, la filastrocca Baa baa black sheep e il pezzo jazz In the mood, di Glenn Miller. Il suono «assomiglia a una cornamusa elettronica” dicono gli studiosi.



Nella registrazione si sente più volte la voce della giornalista che commenta le performance del computer. Durante un errore nell'ultima canzone dice: «The machine’s obviously not in the mood» ("la macchina non è chiaramente dell'umore") giocando sul titolo della canzone.

AVANGUARDIA. «Il lavoro pionieristico di Turing negli anni '40 nel trasformare il computer in uno strumento musicale è stato in gran parte sottovalutato» dicono gli autori. Anche se fu Turing a programmare gli algoritmi che diedero origine alle prime note musicali della macchina di Manchester, fu l'informatico e programmatore Christopher Strachey a preoccuparsi di metterle in successione. Strachey raccontava che quando Turing udì per la prima volta il computer suonare disse, laconicamente: «Bello show».

http://www.focus.it/scienza/scienze/ricostruita-la-musica-del-computer-di-turing

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento