Scoperta la grotta sommersa più profonda del mondo

Krzysztof Starnawski e Jan "Honza" Musil s'immergono a 55 metri di profondità nella grotta di Hranická Propast. 
FOTOGALLERIA Un team di speleologi subacquei ha misurato la dolina carsica di Hranická Propast, nella Repubblica Ceca, scoprendo che è profonda 404 metri: 12 in più del Pozzo del Merro, detentore del record finora

Un team di esploratori ha appena scoperto nella Repubblica Ceca la grotta sommersa più profonda del mondo. Il 27 settembre, il celebre esploratore subacqueo polacco Krzysztof Starnawski, alla guida di un team ceco-polacco finanziato in parte dalla National Geographic Society, ha scoperto che la dolina carsica misura 404 metri di profondità.

Si tratta di 12 metri in più rispetto alla grotta sommersa di Pozzo del Merro, una dolina carsica situata a pochi chilometri da Roma, e profonda 392 metri, che deteneva il record finora.

Starnawski ha esplorato per la prima volta la grotta sommersa, chiamata Hranická Propast, nel 1999. La dolina carsica si è formata in modo inusuale, aveva osservato Starnawski, suggerendo che potesse estendersi a grandi profondità: l'acqua calda, satura di anudride carbonica, ribolliva come un vulcano, erodendo la roccia dal fondo.

Nel corso degli ultimi due anni, Starnawski ha effettuato altre immersioni raccogliendo ulteriori informazioni. Nel 2014, raggiunse una profondità di 200 metri, pensando che si trattasse del fondo; invece, individuò una strettoia che portava a un altro tunnel verticale, buio e rivestito di calcare più ruvido. Calò all'interno del tunnel una sonda, finendo il cavo a 384 metri; una profondità di poco inferiore a Pozzo del Merro.

L'anno scorso, Starnawski è tornato nuovamente a Hranická Propast scoprendo le che pareti della strettoia erano parzialmente crollate, ampliando il passaggio. Si è immerso a 265 metri di profondità, calando un'altra sonda che toccò il fondo a 370 metri, probabilmente a causa del crollo dei detriti della parete del passaggio sovrastante.

Durante l'immersione dei giorni scorsi, i tecnici hanno guidato un ROV - un robot comandato a distanza, all'interno dell'abisso.

"L'immersione del 27 settembre è stata l'ultima di tante compiute negli ultimi vent'anni a Hranická Propast", racconta Starnawski. "Avevano tutte lo stesso scopo: esplorare la grotta più a fondo. Avevo preparato l'apparecchiatura e la rotta per l'immersione del ROV in modo che potesse superare i limiti imposti a un essere umano, riuscendo a passare attraverso stretti passaggi e i detriti formati dalla caduta di tronchi e alberi. Durante questa fase, il lavoro più importante è quello del robot. Io mi sono immerso fino a 200 metri appena prima l'immersione del robot in modo da impostargli la linea migliore da seguire fino alla parte più profonda della grotta. Da lì, i tecnici in superficie hanno guidato il ROV con un cavo a fibre ottiche mentre si inoltrava in una zona inesplorata, fino a raggiungere la profondità record di 404 metri".

Perché inviare un ROV anziché uno speleologo subacqueo?

"La nostra intenzione non era effettuare l'immersione in grotta più profonda, ma di esplorare la grotta oltre il limite dei 400 metri. Per ora non è possibile farci arrivare un essere umano. Quindi ho chiesto a Bartlomiej Grynda, della GRALmarine, di crearci un ROV per l'occasione. I risultati sono incredibili".

Come avete verificato il record?

Il ROV che ha raggiunto i 404 metri presenta un solco profondo analizzato e certificato dalla commissione di Stato, quindi siamo certi al 100 per cento che la misurazione sia accurata.

Dopo un'immersione a 200 metri di profondità, quanto tempo deve passare nella camera iperbarica? E come passa il tempo?

Trascorro tra le due e le quattro ore nella campana di decompressione situata sott'acqua, il che costituisce circa il 40 per cento della durata dell'immersione. Di solito per passare il tempo leggo libri con le pagine rivestite così che l'acqua non distrugga la carta. Gialli e polizieschi sono i miei preferiti!

Starnawski riemerge in superficie dopo un'immersione a 200 metri di profondità nella dolina carsica.
Il team si prepara a immergere il ROV nel fondo della grotta di Hranická Propast.
Il ROV continua la sua discesa sul fondo della grotta sommersa. 

Starnawski (a sinistra) e Bartlomiej Grynda guidano il ROV verso il fondo della grotta. 

di Kat Long - fotografie di Marcin Jamkowski
http://www.nationalgeographic.it/wallpaper/2016/09/29/foto/repubblica_ceca_grotta_profondita_record-3253164/1/

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento