Esplosione Etna, terrore a 2.700 metri di quota: “è stato l’incidente più pericoloso degli ultimi 30 anni”



Esplosione Etna, dieci feriti a 2.700 metri di quota: alcuni sono ricoverati in Ospedale. E' l'incidente più grave degli ultimi 30 anni sul vulcano siciliano
L’esplosione avvenuta oggi sull’Etna è stata di tipo freatico e si è verificata a quota 2700 metri. La lava e’ fuoriuscita a quota 3250, e’ scesa e si e’ verificato il fenomeno collegato al contatto tra la lava e la neve. Una decina i feriti, sette dei quali hanno fatto ricorso alle cure ospedaliere nelle strutture di Catania e Acireale. Tre di loro sono inglesi e facevano parte di una troupe della Bbc, sono stati medicati per delle escoriazioni nell’ospedale di Acireale. Tra questi la giornalista Rebecca Morelle, corrispondente scientifica per la tv di stato britannica, lievemente ferita alla testa mentre si trovava sul vulcano per lavoro. “I vulcanologi dicono che e’ stato l’incidente piu’ pericoloso in 30 anni di carriera“, ha raccontato sul suo profilo Twitter in inglese. La giornalista ha voluto rassicurare tutti: “La troupe e’ ok. E’ stato davvero spaventoso, esplosioni come queste hanno ucciso, correre giu’ per la montagna sotto i colpi delle pietre, schivando massi infuocati e vapore bollente e’ un esperienza che non vorrei mai ripetere, mai e poi mai. I soccorsi e le guide sono stati eccellenti”. Un altro turista straniero si trova nel pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania: anche lui ha delle escoriazioni. Sul posto hanno operato guide dell’Etna e militari del soccorso alpino della guardia di finanza di Nicolosi“. Boris Behncke il vulcanologo dell’Ingv ferito dai detriti prodotti da quella che definisce sul suo profilo Facebook una “violenta esplosione“, afferma: “Io stesso ho subito una piccola ferita in testa pero’ sto assai bene e mi sto calando una meritata birra!“



Da giorni il vulcano e’ inquieto. L’eruzione dell’Etna cominciata due giorni fa con delle esplosioni dal nuovo cratere di sud-est, infatti non si ferma. Oltre all’attivita’ strombolina sulla zona sommitale del vulcano sono presenti due colate laviche. La piu’ recente si e’ formata ieri a tarda sera ed e’ originata da una bocca effusiva che si e’ aperta dalla base del nuovo cratere di sud-est e che si dirige verso la desertica Valle del Bove. La seconda, invece, presente gia’ da due giorni ha effettuato lo stesso percorso della colata generata dell’eruzione dei primi di marzo e ha rallentato la propria discesa in direzione sud-ovest nelle vicinanze di Monte Frumento Supino, a circa 2650 metri di altitudine. Sul posto si trovano gli esperti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia per dei sopralluoghi. Il tremore si mantiene stazionario su livelli alti. L’eruzione e’ ben visibile anche da Catania e dai paesi della zona pedemontana, regalando grandi suggestioni a cui i catanesi non si abituano mai. Ma oggi e’ stato un giorno particolare, nel quale la bellezza ha incrociato la paura.

L’esplosione sull’Etna e’ avvenuta a quota 2.700 metri, precisamente sul Belvedere che si affaccia sulla Valle del Bove, in territorio di Zafferana Etnea. Rientra nella fascia della ‘zona gialla’, compresa tra 2.650 e 2.800 metri, dove l’accesso e’ consentito se accompagnati da guide turistiche. Sopra e’ tutta zona rossa, interdetta. Nella zona era presente una guida dell’Etna che e’ il ferito piu’ grave, ricoverato in codice giallo nell’ospedale Cannizzaro di Catania per un trauma cranico, non grave. Nello stesso nosocomio si trovano anche tre turisti tedeschi: due in codice giallo e uno in codice verde.

C’erano 35 escursionisti, compresi 15 turisti stranieri, nella zona dell’Etna dove si e’ verificata l’esplosione freatico-magmatica che ha provocato alcuni feriti. E’ la stima del sindaco di Nicolosi, Nino Borzi’, che conferma la presenza delle guide dell’Etna. “E’ grazie alla loro esperienza – spiega Borzi’ – alla loro professionalita’ e alla tempestivita’ con cui si sono mossi che hanno potuto mettere subito tutti in sicurezza. Ci sono state una decina di persone ferite, ma nessuno in maniera grave“. Per il sindaco di Nicolosi “questa esperienza conferma la necessita’ di rispettare al massimo il vulcano, e di accedere alle zone sommitali soltanto in massima sicurezza, con guide professioniste, perche‘ – rileva – i divieti vanno fatti rispettare“.

Per approfondire http://www.meteoweb.eu/foto/esplosione-etna-terrore-2-700-metri-quota-lincidente-piu-pericoloso-degli-ultimi-30-anni/id/871838/#gDG5GyRDxlRFyfOC.99

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento