Afghanistan, autobomba esplode a Kabul: almeno 80 morti e 350 feriti | Colpito lʼospedale di Emergency



Lʼattacco è avvenuto nel quartiere di Wazir Akbar Khan, vicino a diverse ambasciate e non lontano dal palazzo presidenziale

Un'autobomba è esplosa a Kabul, nella zona diplomatica della capitale afghana, provocando almeno 80 morti e 350 feriti: lo hanno riferito funzionari del Paese. L'attacco è avvenuto nel quartiere di Wazir Akbar Khan, vicino a diverse ambasciate e non lontano dal palazzo presidenziale. Danni anche all'ospedale di Emergency. L'esplosione è stata così violenta che ha distrutto oltre 30 vetture e ha mandato in frantumi i vetri degli edifici circostanti.



Quasi tutte le vittime sono civili. Il coordinatore del governo, Abdullah Abdullah, ha sostenuto in un tweet che "quelli che ci uccidono nel mese sacro del Ramadan non meritano appelli alla pace, ma devono solo essere distrutti ed estirpati".

Danni all'ospedale di Emergency - Decine di persone rimaste ferite nell'attentato sono state trasportate nell'ospedale di Emergency, che pure a subito danni per la forza dell'esplosione. Lo rende noto la stessa Ong guidata da Gino Strada. Sua figlia Cecilia ha riferito: "Il nostro centro a Kabul è stato scosso dall'esplosione. I colleghi stanno bene, sono al lavoro per i feriti, poi verificheremo i danni".

L'attacco è stato compiuto in piazza Zanbaq. Qui, oltre a stabili diplomatici e governativi, è presente la sede di una delle emittenti locali che stanno fornendo aggiornamenti sulla situazione, 1TvNews, la quale ha parlato di danneggiamento dell'edificio che ospita i suoi studi.

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/afghanistan-autobomba-esplode-a-kabul-almeno-50-morti-e-150-feriti_3074339-201702a.shtml

About MondoTempo Reale

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento