L’Artico continua a sciogliersi, gli esperti: “adesso rischiamo una catastrofe mondiale”

Scienziati e ambientalisti sullo scioglimento dell’Artico: “effetti su città, economie e natura, si rischia una catastrofe mondiale”

L’Artico e’ lontano da tanti Paesi del mondo ma il suo scioglimento sempre piu’ veloce minaccia tutto il Pianeta. Mari che si alzano e sommergono citta’, esodi di massa e profughi in fuga, malattie, economie in crisi, modifica degli ecosistemi, incendi, migrazioni di uccelli e pesci, liberazione di anidride carbonica per attivita’ microbiche e rilascio di metano dal permafrost, che alzano la febbre della Terra. Scenari che scienziati e ambientalisti ripetono da troppo tempo avvertendo che potremmo essere ad un punto di non ritorno se non si mette un freno alle emissioni di gas a effetto serra e se non si contiene entro i 2 gradi centigradi l’aumento della temperatura globale.
foto_13183Ora c’e’ la consapevolezza politica e la conferenza Glacier in Alaska, voluta da Obama, assicura impegni e interventi urgenti. L’orso bianco che si sposta a nord perche’ non riesce piu’ a cacciare nelle stesse zone e si nutre di delfini o uova di uccelli marini, affollamento di migliaia di trichechi sulle coste per mancanza di lastroni di ghiaccio dove riposarsi, oceani sempre piu’ acidi e corrosivi che alterano la vita di alcuni organismi marini. La natura da’ i suoi segnali.
LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters
Il cambiamento climatico nell’Artico “va arrestato perche’ potra’ avere altrimenti conseguenze catastrofiche su tutto il pianeta, tenuto conto del ruolo di queste regioni nel moderare la temperatura globale” avverte Enrico Brugnoli, direttore del Dipartimento scienze del sistema della Terra e tecnologie per l’ambiente del Cnr, che alla conferenza in Alaska ha rappresentato l’Italia assieme al direttore generale del Ministero degli Affari Esteri Giuseppe Buccino. Il riscaldamento globale nell’Artico “sta gia’ danneggiando le infrastrutture, alcuni villaggi costieri inAlaska stanno scivolando in mare e strade ed edifici subiscono danni – spiegaBrugnoli - I cambiamenti hanno effetti negativi sulla salute delle popolazioni locali e sulle loro economie. Occorre lavorare su mitigazione, adattamento e resilienza ai cambiamenti“.
LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters
Le trasformazioni nelle regioni artiche “a partire dagli anni ’60, con il drammatico aumento delle emissioni di CO2 a livello globale, hanno un’influenza sul clima di tutto il Pianeta, in un vortice di meccanismi di feedback positivi che accelerano la fusione dei ghiacci e del permafrost, liberando nuove riserve di carbonio sotto forma sia di metano che di CO2” dice Maria Grazia Midullaresponsabile clima ed energia del Wwf auspicando che “un’azione significativa per il clima, diventi una priorita’ assoluta per tutti i Governi del mondo“. La perdita dei ghiacci “provoca uno sconvolgimento nella circolazione globale dell’atmosfera – conclude Brugnoli – con una diversa distribuzione delle piogge, del calore e del freddo“, modifiche del ciclo dell’acqua e rischio di siccita’ piu’ frequente alle nostre latitudini.

http://www.meteoweb.eu/

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment