Siria: i piani anti Russia di Obama

Il mistero delle migliaia di Toyota dello SIIL
I gruppi combattenti dello SIIL sono difficili da raggiungere a causa della mobilità fornitagli da migliaia di pickup Toyota, sulle cui piattaforme sono montate mitragliatrici. Tra il decollo dei bombardieri russi a Lataqia e quando arrivano sugli obiettivi nella Siria centrale e orientale, passano 10-15 minuti.
Durante questo tempo, i combattenti dello SI, con i loro pickup Toyota, possono spostarsi di 3-5 km rispetto alle coordinate GPS comunicate ai piloti russi e ai sistemi di guida delle bombe. Perciò la maggior parte degli attacchi aerei dell’Aeronautica russa è su obiettivi fissi come depositi di carburante e munizioni, centri di comando e comunicazione e fabbriche di esplosivi.
Sulla base delle informazioni raccolte attraverso i droni da osservazione, la Russia ritiene che lo SIIL abbia una flotta di quasi diecimila Toyota Hilux e Toyota Tacoma. Tuttavia, la giapponese Toyota chiarisce decisamente che nelle vendite di prima mano vieta di consegnare beni prodotti in Giappone e Corea del Sud a gruppi terroristici.
Toyota ha detto che nel suo database vi sono diverse centinaia di Toyota Hilux vendute in Iraq e che sarebbero state catturate dallo SIIL. 43 nuovi pickup Toyota Tacoma nel 2014 furono consegnati ai ribelli “moderati” della Siria dal Ministero degli Esteri degli Stati Uniti. Toyota sospetta che un lotto di 800 Toyota consegnato all’Australia nel 2014 e nel 2015 sia finito in Medio Oriente. Tuttavia, l’Australia partecipa alla coalizione degli Stati Uniti che bombarda lo SI in Iraq e Siria, con i suoi F-18.
La più grande flotta di furgoni Toyota Hilux e Tacoma (circa 20000 unità) appartiene ai militari statunitensi. Pickup Toyota sono stati modificati agli standard dell’US Army per l’impiego in missioni di pattugliamento.
Gli elementi più importanti introdotti sono telai saldati sulla piattaforma e sulla portiera destra, appositamente progettati per montare mitragliatrici. Durante l’occupazione statunitense dell’Iraq, migliaia di Toyota Tacoma furono consegnate. Ebbero tali veicoli i gruppi paramilitari sciiti creati dagli Stati Uniti in Iraq per mantenere l’ordine. Infine le forze speciali in Afghanistan erano dotate di questo tipo di pickup, più silenziosi e più veloci dell’Humvee.
Grazie alla collaborazione tra General Motors e Toyota, quasi 1 milione di veicoli Toyota Hilux, Tacoma e Land Cruiser sono stati costruiti nelle fabbriche in Mississippi e Texas. Dal 2010 l’intera produzione del Tacoma avviene nel nuovo stabilimento di San Antonio (Texas). Con il ritiro delle truppe degli USA da Iraq e Afghanistan, i pickup Toyota delle forze armate statunitensi sono stati riparati, dipinti di bianco e messi in deposito negli Stati Uniti.
Autore: Valentin Vasilescu / Fonti originali: ziaruldegarda.ro - mondialisation.ca / Traduzione di Alessandro Lattanzio – aurorasito.wordpress.com
Il piano degli USA per attaccare la Russia in Siria
L’unico scopo di Washington in Siria è deporre Assad e sostituirlo con un burattino che attui il piano della Qatar Petroleum (sostenuto da Arabia Saudita, Qatar, Turchia e Stati Uniti) per sostituire Gazprom sul mercato europeo del gas e petrolio. L’opposizione di Bashar al-Assad al piano ha attivato l’uso di forze estere e la guerra civile in Siria. Da questo punto di vista, lo Stato islamico, che combatte contro l’Esercito nazionale siriano fedele a Bashar al-Assad è alleato de facto degli Stati Uniti.
La prova è che, dopo più di 2000 attacchi aerei da parte degli Stati Uniti negli ultimi anni, la capacità combattiva dello SI non solo è rimasta intatta ma non è diminuita di una virgola. Un’ulteriore prova è dimostrata dalle migliaia di camioncini Toyota usati dallo SI e prodotti negli Stati Uniti con le modifiche richieste dall’esercito degli Stati Uniti, probabilmente appartenenti ai militari statunitensi dispiegati in Iraq e in Afghanistan.
L’intervento russo in Siria rappresenta la prima sfida al ruolo del poliziotto mondiale degli Stati Uniti dalla caduta della cortina di ferro. Infatti, schierando i suoi aerei da combattimento in Siria, la Russia ha preso bruscamente e in modo inequivocabile un ruolo di primo piano nella crociata contro lo SI. Dopo 10 giorni di bombardamenti, i russi hanno raggiunto un rateo di 67 sortite al giorno su circa 60 obiettivi dello SI. In poche settimane la Russia bombarderà quotidianamente 10 volte più con i bombardieri Tu-95, Tu-22M3 e Tu-160. Possono procedere nello stesso modo degli statunitensi con i loro bombardieri B1, B-2 e B-52 in Jugoslavia, Iraq e Libia, dato che il raggio d’azione di questi aerei raggiunge bersagli in Siria decollando e atterrando dalle basi in Russia. Questi grandi bombardieri a grande raggio russi trasportano 10 volte più missili da crociera e bombe dei Su-24, Su-25 e Su-34. Gli Stati Uniti non possono abbatterli nello spazio aereo della Siria o colpirli sulle loro basi, per la semplice ragione che la Russia ha armi nucleari e che una risposta farebbe scattare la terza guerra mondiale. E se la Russia non viene ostacolata, risolverà la questione siriana in 6-8 mesi. Pertanto Washington è costretta a ideare, nell’ombra, un piano con misure che potrebbero mettere a rischio la missione russa in Siria.
Quali sono?
1. La disinformazione permanente dell’opinione pubblica sul senso dell’azione russa in Siria, presentandola come peggiore dello SIIL, in modo che gli Stati Uniti sembrino avere la soluzione migliore, qualunque essa sia.
2. Ad esempio, il primo giorno degli attacchi russi in Siria (30 settembre), i media diffusero foto manipolate per indurre l’idea che i russi uccidessero donne e bambini, e che bombardassero centri abitati. Le foto in questione furono prese il 25 settembre. I russi smantellarono tale disinformazione, dimostrando con i video che erano ancora nella fase in cui privavano lo SIIL di munizioni, carburante e comunicazioni. Depositi di carburante e munizioni in aree occupate dallo SI appartenevano in passato all’esercito siriano, prima si ritirarsi.
3. Poi gli statunitensi si sono impegnati a disinformare l’opinione pubblica ancora, dicendo che gli aerei russi sganciavano bombe della seconda guerra mondiale, dalla precisione di oltre 500 metri, non permettendogli di distruggere alcun bersaglio dello SI. Un rapporto della televisione russa RT dalla base aerea russa a Lataqia mostra bombe e missili a guida laser, TV e GPS agganciati ai velivoli prima delle missioni di combattimento. L’errore probabile di queste armi è di 4 metri al massimo.
4. Dopo che navi russe dal Mar Caspio lanciarono 26 missili da crociera su 11 bersagli dello SI in Siria, gli statunitensi mentirono asserendo, senza produrre alcuna prova, che 4 di essi erano caduti in Iran. I missili da crociera 3M14T Kalibr non possono mancare l’obiettivo perché hanno tre diversi sistemi di guida coordinati a un radioaltimetro ad alta precisione.
5. Un’altra misura per limitare il successo della Russia è motivare i ribelli islamici assai scossi dai bombardamenti aerei russi. Il piano statunitense molto probabilmente aumenterà gli stipendi dei mercenari islamici che combattono in Siria da 350-500 USD al mese a 2000. Il Congresso degli Stati Uniti ha stanziato 500 milioni per i ribelli siriani. È probabile che gli Stati Uniti faranno pressione su Arabia Saudita e Qatar (sponsor dei ribelli islamici che finora hanno speso 4 miliardi di dollari) per completare il budget necessario per il rovesciamento di Bashar al-Assad. In questo contesto, 6000 combattenti islamici hanno già abbandonato la lotta e si sono trincerati in Turchia, da dove vogliono recarsi in Europa. Tanto più che più o meno presto, commando di Spetsnaz russi entreranno in campo per iniziare la caccia ai ribelli islamici in Siria.
6. Inoltre, per aumentare il morale degli islamisti occorre dimostrare che i russi non sono invincibili. A tal fine, è necessario fornirgli mezzi antiaerei facili da gestire e in grado di abbattere aerei russi, che avrebbero un forte impatto sull’opinione pubblica. Per abbattere gli elicotteri d’attacco russi che volano al di sotto della quota di 1800 m, l’arma più efficace è la mitragliatrice a 6 canne rotanti statunitense GAU-19/A da 12,7 mm, che può essere montata su autocarri e che ha un rateo di tiro di 2000 colpi al minuto. Contro gli elicotteri, ma anche contro gli aerei Su-25 russi che spesso volano al di sotto della quota di 5000 metri nelle missioni di supporto ravvicinato, i missili portatili FIM-92 Stinger statunitensi, prodotti su licenza dalla Roketsan turca, sono molto efficaci.
Funzionari sauditi hanno già risposto alla richiesta degli Stati Uniti sostenendo di aver consegnato questa settimana ai ribelli islamici molti altri sistemi missilistici anticarro BGM-71 TOW statunitensi, per fermare l’offensiva dell’Esercito nazionale siriano.
Autore: Valentin Vasilescu / Fonti originali: ziaruldegarda.ro -reseauinternational.net / Traduzione di Alessandro Lattanzio –aurorasito.wordpress.com / Video: aurorasito.wordpress.com

Mondo Tempo Reale

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment