Una nave da carico con 33 membri di equipaggio scompare nel Triangolo delle Bermuda

"El Faro" la nave cargo scomparsa
Tutti hanno sentito parlare del Triangolo delle Bermuda, la misteriosa area geografica localizzata tra la Florida, le Bermuda e Porto Rico, dove senza una spiegazione apparente, molti aerei e navi sono misteriosamente scomparsi nel nulla .
Ciò nonostante la Marina degli Stati Uniti (United States Navy), ritiene che questa zona non esiste e che le scomparse segnalate in quel luogo sono frutto di una pura coincidenza.
Ma la realtà potrebbe essere un'altra, visto che più di 200 misteriose sparizioni di navi e aeromobili commerciali dimostrano che qualcosa di inspiegabile si potrebbe effettivamente nascondere in quella zona caratterizzata da una superficie di oltre un milione di chilometri.
L'ultima inspiegabile scomparsa riguarda questa volta una nave da carico chiamata "El Faro" che è scomparsa nel famigerato Triangolo delle Bermuda, nei pressi di Crooked Island alle Bahamas. La nave era costituita da un equipaggio composto da cinque americani e 28 polacchi.
Questa nuova scomparsa nel Triangolo delle Bermuda secondo il Daily Mail online, risale allo scorso Venerdì , dopo che il capitano della nave ha navigato attraverso l'uragano Joaquin.
Il cargo che trasportava dei veicoli, ha inviato una richiesta di soccorso alla Guardia Costiera degli Stati Uniti, il cui portavoce ha spiegato che la nave sembrava essere svanita nel nulla poco prima di un'improvvisa tempesta.
La loro richiesta di soccorso è stata inviata da un'area non distante da Crooked Island, Bahamas.
La Guardia Costiera degli Stati Uniti ha subito inviato due elicotteri di soccorso per effettuare le ricerche del cargo scomparso, il quale non è stato ancora localizzato.
Dopo l'uragano Joaquin sono state rinvenute tre imbarcazioni e diversi giubbotti di salvataggio, anche se non vi sono certezze che possano appartenere alla nave cargo "El Faro".
Oltre alle barche e giubbotti di salvataggio, soni stati recuperati anche dei materiali d'imballaggio e del polistirolo, quasi 48 ore dopo l'invio del segnale di soccorso.
Anche se i resti recuperati in mare sembrano indicare che non potrebbero essersi dei sopravvissuti, la Guardia Costiera degli Stati Uniti ritiene che gli oggetti rinvenuti rappresentano una prova positiva sul fatto che le ricerche si sono concentrate nella giusta zona dove potrebbero trovarsi eventuali sopravvissuti, nonostante che gli oggetti sono stati rinvenuti più di 48 ore dopo la scomparsa della nave.
"I resti convalidano i nostri sforzi, che seppur delusi per non essere riusciti a trovare la nave, rimaniamo ancora fiduciosi sull'esito positivo delle ricerche", ha detto il portavoce della Guardia Costiera degli Stati Uniti.
"A breve, verranno fatti decollare tre C-130 che dovranno perlustrare la zona facilitando il compito degli aerei P-8 della Marina. "
Domande senza risposta
Anche se la società afferma che stanno facendo tutto il possibile per individuare i membri dell'equipaggio dispersi in quel tratto di mare, i parenti si chiedono perché il capitano, con oltre 20 anni di esperienza, ha diretto il mercantile verso l'uragano Joaquín invece di aspettare in un luogo sicuro fino a quando non si fosse calmata la tempesta.
La società proprietaria del cargo non ha ancora fornito una risposta sull'accaduto il cui portavoce afferma che il capitano era un uomo ben qualificato per affrontare queste e altre avversità.
Fonte di riferimento:.dailymail.co.uk

Mondo Tempo Reale

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment