Attenti a queste telefonate - Puzzano di truffa

OCCHIO ALLA TRUFFA. La voce è gentile ma decisa: «Buongiorno, siamo l’Ufficio Controlli Incrociati». «Cosa?» risponde l’interlocutore. La voce si fa più aggressiva: «Ufficio Controlli Incrociati. Abbiamo riscontrato alcune discrepanze sulle sue bollette di luce e gas…» aggiunge con fare di rimprovero. «Non capisco…». «Senta, dobbiamo verificare: ci servono i dati della sua bolletta!». «No guardi, mi dica da parte di quale Ente sta chiamando». E qui la telefonata raggiunge punte grottesche: «Ma noi siamo il back office (?!), deve comunicarci i suoi dati altrimenti…». «Se non mi dice da quale Ente chiama e come ha trovato il mio numero di telefono, la denuncio!». Ed è a questo punto che la telefonata si interrompe. Clic.In una delle ultime chiamate, ai danni di un’anziana, mangiata evidentemente la foglia, la voce al telefono (una donna) ha detto che i controlli erano richiesti da Enel Gas. Niente di più falso. Contattata, Enel ha negato recisamente che ci siano in corso controlli telefonici sulle bollette. «Non ne facciamo – spiegano – e non ci permetteremmo mai di chiedere dati sensibili via telefono. Se ci sono problemi su una bolletta, ci sono le nostre sedi per chiarirli. Si tratta di truffe o concorrenza sleale». Ma cosa cercano i malintenzionati in attività negli ultimi giorni? «Spesso vogliono conoscere dati come il codice fiscale della vittima (di cui spesso conoscono già il nome), e soprattutto chiedono di comunicare il POD».Il POD è un codice composto da lettere e numeri che identifica in modo certo il punto fisico sul territorio nazionale in cui l’energia viene consegnata dal fornitore e prelevata dal cliente finale. È facile da individuare poiché inizia con “IT” ed è composto da 14-15 caratteri, e solitamente si trova nel primo foglio della bolletta della luce. Un numero che non spaventa la vittima, che magari se gli si chiedesse il numero di conto corrente si potrebbe insospettire. Però. Però si tratta in realtà – spiegano fall’Enel – di una sorta di “cavallo di Troia».Una volta in possesso del POD, ci si può inserire con facilità nel suo contratto di fornitura energetica e attivare un nuovo contratto. Ovviamente peggiorativo. E con una bolletta che il malcapitato utente sarà costretto a onorare prima di riuscire – non senza fatica – a ripristinare il vecchio contratto. Insomma, una truffa.

http://www.ilfattaccio.org/

Mondo Tempo Reale

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment