M. Valtorta: Profezie di Gesù sugli Ultimi Tempi



Estratti di Maria Valtorta dal "Poema dell'Uomo Dio"

Disse Gesù fanciullo durante la disputa con i Dottori del Tempio:

«Così parlo. E così parlerò sino alla morte. Poiché sopra il mio frutto sta l'interesse del Signore e l'Amore alla Verità di cui sono Figlio.

E ti aggiungo, o rabbi, che la schiavitù di cui parla il Profeta, e di cui Io parlo, non è quella che credi, come la regalità non sarà quella che pensi.

Ma per merito del Messia verrà reso libero l'uomo dalla schiavitù del Male che lo separa da Dio, e il segno del Cristo sarà sugli spiriti, liberati da ogni giogo e fatti sudditi dell'eterno Regno.

Tutte le nazioni curveranno il capo, o stirpe di Davide, davanti al Germoglio nato da te e divenuto albero che copre tutta la terra e si alza al Cielo.

E in Cielo e in Terra ogni bocca loderà il suo Nome e piegherà il ginocchio davanti all'Unto di Dio, al Principe della Pace, al Condottiero, a Colui che con Se stesso avrà inebriato ogni anima stanca e saziato ogni anima affamata, al Santo che stipulerà una alleanza fra Terra e Cielo.

Non come quella stipulata coi Padri d'Israele quando Dio li trasse d'Egitto trattandoli ancora da servi, ma imprimendo la paternità celeste nello spirito degli uomini con la Grazia nuovamente infusa per i meriti del Redentore, per il quale tutti i buoni conosceranno il Signore e il Santuario di Dio non sarà più abbattuto e distrutto».

Daniel F. Gerhartz
Dice Gesù, sugli ultimi Tempi:

«... Ero venuto Luce nel mondo... per l'intero mondo... Lo chiamavo alla Luce... E lo chiamo... Lo chiamo da venti secoli, senza soste. Sulle vostre tenebre non cesso di fare risplendere la mia Luce.

Se sapeste innalzarvi oltre la barriera di caligine che avete sparsa sulla Terra, vedreste il Sole divino sempre sfolgorante e benigno sugli uomini, su tutti gli uomini.

Né v'è da stupirsi se vi precedono ormai quelli che sono i più lontani da Roma cattolica...

Gaspare, Melchiorre, Baldassarre, da tre punti della Terra sul paziente dorso dei cammelli vennero alla Luce del mondo non vista dai compatrioti del Figlio di Maria. Africani, asiatici, australi, vengono alla Croce che voi avete respinta. E vi sorpasseranno.

Nell'ultimo giorno, quando il tempo e gli uomini saranno illuminati in ogni punto e lato, si vedrà l'ingrata lacuna lasciata da voi, cattolici da secoli, mentre gli altri: idolatri ed eretici, affascinati dal Cristo, Signore Santo, saranno affluiti con le loro anime fatte vergini dalla Grazia.

Quanti moti tenebrosi nel mondo civile! È la vostra vergogna e il vostro castigo.Mai avreste dovuto e mai dovreste permettere che la Luce data a voi per primi fosse da voi respinta e rinnegata.

Le tenebre vi uccidono e non le volete abbandonare. Da esse vengono tutti i mali che vi affliggono, come gli odiosi animali della notte, e si pascono del vostro sangue, del vostro tormento.

Non mi volete più. Non mi comprendete più. Non mi conoscete più... Neppure quelli della "Mia Casa" mi conoscono più. Ed Io stento a conoscere loro, tanto li hanno imbruttiti le molte malattie della carne e della mente».


Dice ancora Gesù:

«Per compiere questa opposizione (riferendosi alla Chiesa; ndr) viene lacerata la Legge, e sempre più lo sarà, fino ad essere abolita pur di commettere la suprema ingiustizia (l'eliminazione del sacrificio eucaristico già in via di attuazione; cfr.QUI; ndr), che però non durerà a lungo.

E beati quelli che nella breve e paurosa sosta, in cui sembrerà che il dissenso abbia trionfato su di Me, sapranno continuare a credere nel Gesù di Nazareth, nel Figlio di Dio, nel Figlio dell'uomo, predetto dai Profeti.

Io potrei attuare il giudizio di Dio fino in fondo, salvando tutti i figli d'Israele. (In senso lato, perché le dodici tribù di Israele rappresentano tutta l'Umanità; ndr).

Ma non lo potrò, perché l'empio trionferà contro se stesso, contro il lato migliore di se stesso, e come conculca i Miei diritti e quelli dei Miei credenti, così conculcherà i diritti del suo spirito, che ha bisogno di Me per essere salvato e che viene donato a Satana pur di negarlo a Me».


E aggiunge:

«Ma voi non temete. Alzatevi. Andiamo... Andiamo fra gli uomini perché sono venuto per stare con essi. Siate santi, forti e fedeli, in ricordo di quest'ora.

Lo dico anche a te e a tutti i Miei prediletti fra voi, a quelli che mi hanno in maniera speciale. Non temete di Me. Mi mostro per elevarvi, non per incenerirvi.

Alzatevi: la gioia del dono vi dia vigoria e non vi ottunda nel sopore del quietismo,credendovi già salvi perché vi ho mostrato il Cielo.

Andiamo insieme fra gli uomini. Vi ho invitati a sovrumane opere con visioni e insegnamenti perché possiate essermi di maggior aiuto.

Vi associo alla Mia Opera. Ma Io non ho conosciuto e non conosco riposo. Perché il Male non riposa mai e il Bene deve essere sempre attivo per annullare più che si può il lavoro del Nemico.

Riposeremo quando il Tempo sarà compiuto. Ora occorre andare instancabilmente, operare continuamente, consumarsi indefessamente per la messe di Dio.

Il Mio contatto continuo vi santifichi, la Mia lezione continua vi fortifichi, il Mio Amore di predilezione vi faccia fedeli contro ogni insidia.

Non siate come gli antichi rabbini che insegnavano la Rivelazione e poi non le credevano al punto di non riconoscere i Segni dei Tempi e i messi di Dio.

Riconoscete i precursori del Cristo nel suo secondo avvento, poiché le forze dell'Anticristo sono in marcia e, facendo eccezione alla misura che Mi sono imposto ‒ perché conosco che attingete a certe verità non per spirito soprannaturale ma per sete di curiosità umana ‒ vi dico in Verità che quello che molti crederanno vittoria sull'Anticristo, la pace ormai imminente, non sarà che sosta per dare tempo al Nemico del Cristo di ritemprarsi, medicarsi dalle ferite, riunire il suo esercito per una più crudele lotta.

Riconoscete, voi che siete le "voci" di questo vostro Gesù, del Re dei re, del Fedele e Verace che giudica e combatte con giustizia e sarà il Vincitore della Bestia e dei suoi servi e profeti, riconoscete, dico, il vostro Bene e seguitelo sempre. Nessun aspetto bugiardo vi seduca e nessuna persecuzione vi atterri.

La vostra "voce" riferisca le Mie parole. La vostra vita sia per questa Opera. E se avrete sorte sulla Terra, comune al Cristo, al Suo Precursore e ad Elia ‒ sorte cruenta o tormentata da sevizie morali ‒ sorridete al vostro avvenire sicuro che avrete in comune con Cristo, con il Suo Precursore, col Suo Profeta.

Pari nel lavoro, nel dolore, e nella gloria. Qui, Io Maestro ed Esempio. Là, Io Premio e Re. AverMi sarà la vostra beatitudine. Sarà dimenticare il dolore. Sarà quanto ogni rivelazione è ancora insufficiente a farvi capire, perché troppo superiore è la gioia della vita futura alla possibilità di immaginazione della creatura ancora unita alla carne».


E ancora dice Gesù:

«Oh! Simone! (Pietro; ndr) Vieni qui. Si parlava della futura Chiesa. Spiegavo che, contro le vostre frette, stanchezze, sconforti e così via, ella richiede calma, costanza, sforzo, fiducia.

Spiegavo che richiede il sacrificio di tutti i suoi membri. Da Me che ne sono Fondatore e che ne sono la mistica Testa, a voi, a tutti i discepoli, a tutti quelli che avranno nome di cristiani e appartenenti alla Chiesa universale.

E in Verità nella grande scala delle gerarchie saranno sovente i più umili, coloro che sembreranno semplicemente dei "numeri", quelli che renderanno veramente vitale la Chiesa.

In Verità dovrò sovente rifugiarmi in questi per continuare a mantenere viva la fede e la forza dei sempre rinnovati collegi apostolici, e di questi apostoli dovrò farne dei tormentati da Satana e dagli uomini invidiosi, superbi ed increduli.

Né il loro martirio morale sarà meno penoso di quello materiale, presi come saranno fra la volontà attiva di Dio e la volontà malvagia dell'uomo, strumento di Satana, che cercherà con ogni studio e violenza di farli apparire menzogneri, folli, ossessi (cfr. QUI, ndr), per paralizzare la Mia opera in loro e i frutti della stessa, che sono altrettanti colpi vittoriosi contro la Bestia».

«E resisteranno?» (Chiede Pietro; ndr).

«E resisteranno anche senza averMi materialmente con loro. Dovranno credere non solo a ciò che è doveroso credere, ma anche alla loro segreta missione, crederla santa, utile, venuta da Me, mentre intorno a loro fischierà Satana per terrorizzarli, e il mondo urlerà per deriderli e, i non sempre perfettamente luminosi ministri di Dio, per condannarli.

Questo è il destino delle Mie future voci. Eppure non avrò altro modo che questo per scuotere, per riportare gli uomini al Vangelo e al Cristo! Ma per tutto quello che avrò richiesto e imposto loro, e da loro ricevuto, oh! Avranno da Me eterna gioia, una gloria speciale!...»


Riprende Gesù:

«... Udite una mia profezia, o voi di Israele . Quanto più perseguiterete il Rabbi di Galilea e i suoi seguaci, tentando di annullare con la tirannia la Sua dottrina, che è divina, e tanto più la farete prospera ed estesa nel mondo.

Ogni stilla del sangue dei martiri fatti da voi, sperando di trionfare e regnare con le vostre corrotte, ipocrite leggi e precetti non più rispondenti alla Legge di Dio, ogni lacrima dei santi oltraggiati, sarà seme di futuri credenti.

E voi sarete vinti, proprio quando crederete di essere i trionfatori...»
Relazione, adattamento e cura di Sebirblu.blogspot.it

Mondo Tempo Reale

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment