Alien, la Covenant e Trappist-1



Il nuovo capitolo della saga di Alien, diretto da Ridley Scott, al cinema dall'11 maggio scorso, è ambientato in un sistema planetario che fa pensare a TRAPPIST-1.

È da poco uscito nelle sale italiane il nuovo capitolo della saga dello xenomorfo per eccellenza, Alien, che ha suscitato non poche delusioni tra i fan. In questo episodio diretto da Ridley Scott la bestia non è cambiata - è solo più affamata del solito - ma ci sono, nella sceneggiatura, interessanti riferimenti ad alcune recenti scoperte.

Le disavventure dei protagonisti di Alien: Covenant sono ambientate in un sistema planetario composto da cinque pianeti che orbitano attorno alla loro stella. Potrebbe non essere casuale: è da alcuni mesi che si parla dell'ormai celebre TRAPPIST-1, il sistema composto da sette (non cinque...) pianeti che ruotano attorno a una nana rossa. Seppure in modo informale la notizia che fossero 7 circolava da maggio 2016: forse in tempo per Hollywood, ma in ogni caso, prima, se ne conoscevano appunto solo cinque.

VITA EXTRATERRESTRE. Dalla posizione dei pianeti di TRAPPIST rispetto alla loro stella si è ipotizzato che alcuni possano essere simili alla Terra, o quantomeno rocciosi e in linea teorica adatti a ospitare la vita. Nel film, il sistema planetario appare decisamente abitabile: ci sono montagne, acqua, foreste, cascate e persino campi di mais.

Alien, la USCSS Covenant e Trappist-1
| ALIEN: COVENANT, 20TH CENTURY FOX
Gradevole, benché allo spettatore attento una cosa apparirà immediatamente sospetta: non c'è traccia di uccelli... Il pianeta non potrebbe però ospitare altre forme di vita? L'equipaggio dell'astronave USCSS Covenant lo scoprirà ben presto.

TEMPESTE DI NEUTRINI. L'atterraggio dell'astronave su questo lontano pianeta è dovuta a un'improvvisa eruzione solare - o tempesta di neutrini - che ha causato ingenti danni alla strumentazione e la morte di numerosi membri dell'equipaggio. Ed ecco una similitudine con TRAPPIST-1: anche quella (vera) stella lontana sembra caratterizzata da un'intensa attività eruttiva, talmente intensa che, si ipotizza, potrebbe aver causato la scomparsa dell'atmosfera dai pianeti più vicini.

SCIENZA E FANTASCIENZA. In Alien: Covenant, in perfetto stile fantascientifico, si pongono numerosi interrogativi e si spinge l'immaginario tecnoscientifico oltre i limiti del presente. Insieme alla lotta per la sopravvivenza, al centro del film trovano un poco di spazio anche riflessioni come "da dove veniamo?", "potremmo trasportare l'umanità su di un pianeta lontano dal Sistema Solare?", "come dovremmo comportarci se lo trovassimo occupato?"...

Riflessioni che, fuori dalla trama del film, inevitabilmente ci facciamo ogni volta che si parla di esopianeti nella fascia di abitabilità della loro stella. Le risposte sono per davvero in quei 122 minuti di fanta-horror di Covenant?

http://www.focus.it/cultura/curiosita/alien-la-covenant-e-trappist-1

About MondoTempo Reale

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento