La Grande Barriera Corallina sta peggio del previsto

Se qualcosa in questa foto non vi torna, probabilmente è il colore: le alte temperature inducono i coralli ad espellere le alghe fotosintetiche, lasciandoli fragili e morenti.|SHUTTERSTOCK
Lo sbiancamento dei coralli nelle acque più basse è ancora più esteso di quanto si pensasse: il reef australiano affronta per il secondo anno uno stress climatico senza precedenti.

La Grande Barriera Corallina australiana è un ecosistema complesso che già in passato ha mostrato sorprendenti capacità di recupero. Tuttavia, l'innalzamento delle temperature dei mari sta mettendo a dura prova la sua capacità di sopravvivenza. In particolare, lo sbiancamento dei coralli dovuto al caldo anomalo registrato nel 2016 sembrerebbe ancora più grave di quanto stimato.

EMORRAGIA CONTINUA. La conta iniziale dei danni dell'anno più caldo di sempre, effettuata attraverso osservazioni aeree e subacquee, aveva decretato la morte del 22% dei coralli che si trovano in acque poco profonde, dovuta al fenomeno del bleaching (lo sbiancamento del reef per l'espulsione delle alghe fotosintetiche, incoraggiata dalle alte temperature). Ma poiché la situazione, negli ultimi mesi, non è migliorata, ora i coralli sbiancati vicini alla superficie sarebbero il 29%. Un bilancio, oltretutto, ancora provvisorio.

riscaldamento globale, oceani
Per approfondire: gli effetti del riscaldamento globale del pianeta sono mitigati dagli oceani, che assorbono la gran parte del calore. Ma questo nostro inconsapevole alleato liquido è allo stremo delle forze. | SHUTTERSTOCK
IL PUNTO PEGGIORE. Il panorama più preoccupante, secondo il bollettino di guerra diffuso dalla Great Barrier Reef Marine Park Authority, si registra attorno a Port Douglas, nell'estremo nord del Queensland, dove la moria tra i coralli più superficiali ha raggiunto il 70%. Lo sbiancamento riguarda anche i reef più profondi, ma in questo caso la stima degli organismi morti risulta più difficile. 

FRAGILI E INDIFESI. La perdita delle alghe fotosintetiche lascia i coralli più vulnerabili alle malattie: se le alghe non vengono recuperate - un processo che può richiedere una decina di anni, sempre che le temperature dell'acqua calino - il corallo muore. Il reef australiano è tra gli habitat che più di tutti, sul pianeta, sta risentendo del disimpegno intorno agli accordi sul clima di Parigi.

http://www.focus.it/ambiente/ecologia/la-grande-barriera-corallina-sta-peggio-del-previsto

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento