Anziano vive in una tomba, preparandosi per il riposo eterno



Dopo avere ormai perduto tutta la famiglia molto tempo fa, un anziano medico cinese ha deciso che tutto quello che gli rimaneva da fare era costruirsi un mausoleo dove essere sepolto e nel frattempo viverci il tempo che gli rimane.

Oggi novantaduenne, Liang Fusheng era molto orgoglioso della sua famiglia, ma sia sua moglie che i suoi tre figli sono deceduti a causa di una malattia. Quando negli anni ’90 è andato in pensione, Liang non aveva nessuno che si prendesse cura di lui, e non voleva essere un peso per i suoi compaesani che fino a poco prima aveva curato.

Liang ha così deciso che tutto quello che doveva fare era prepararsi al riposo eterno, ed ha deciso di costruirsi un mausoleo su una collina nelle vicinanze del villaggio dove abitava. Nell’arco di 14 anni, ha speso buona parte dei suoi risparmi per costruire la sua tomba: non è un fatto unico di per sé, se non fosse il fatto che invece di sigillarla e lasciarla lì in attesa che giunga il suo tempo, Liang è andato ad abitarci subito.

il mausoleo di liam fusheng – foto da ImagineChina
L’uomo non vuole che nessuno si debba preoccupare dei seppellirlo quando morirà al punto da dormire tutte le notti nella bara che si è già preparato in modo da essere già pronto se dovesse mancare durante il sonno.

Molti si sono commossi quando la storia dell’uomo si è diffusa, e si sono proposti di aiutarlo in qualche modo, ma Liang non vuole l’aiuto di nessuno, al punto che il mausoleo è circondato da filo spinato, tutti gli ingressi sono chiusi da grossi lucchetti e ci sarebbero addirittura delle trappole per tener lontani gli scocciatori.

https://notizie.delmondo.info/2017/06/23/anziano-vive-tomba-preparandosi-riposo-eterno/

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento