Londra, furgone su fedeli fuori da una moschea: un morto | Lʼuomo arrestato urlava: "Ucciderò tutti i musulmani"



La comunità islamica parla di atto deliberato: "Eʼ terrorismo, come quello di Manchester, Westminster e London Bridge"

Un van ha travolto un gruppo di fedeli al termine della preghiera serale per il Ramadan vicino a una moschea nel nord di Londra: una persona è morta e almeno altre otto sono rimaste ferite. Un uomo bianco, di 48 anni, è stato arrestato. La polizia indaga per terrorismo. Secondo alcune testimonianze, l'uomo, una volta sceso dal van, avrebbe accoltellato uno dei passanti.

La polizia è intervenuta poco dopo mezzanotte in Seven Sisters Road, nel borgo londinese di Haringey. L'iattacco è avvenuto nei pressi della moschea di Finsbury Park. L'Evening Standard online riferisce che l'uomo alla guida del van, secondo quanto raccontato da alcuni testimoni, avrebbe anche accoltellato una persona dopo essere sceso dal veicolo ed essere stato affrontato da alcuni dei presenti.

La polizia ha fatto però sapere che nessuna delle persone rimaste coinvolte ha riportato ferite da armi da taglio, né sono stati individuati complici, anche se continuano le indagini in questa direzione.

L'autista: "Ucciderò tutti i musulmani" - Un testimone racconta che il conducente del furgone, piombando sui pedoni, ha urlato: "Ucciderò tutti i musulmani". Quel furgone, ha detto, "ha sterzato all'improvviso contro una folla che si era radunata fuori dalla moschea per soccorrere un anziano caduto a terra. Poi dal veicolo è uscito un uomo che lanciava pugni e urlava. Siamo riusciti a fermarlo e a metterlo a terra. Lui diceva 'uccidetemi'. Era forte. E' stato straziante. Non è stato un incidente". L'uomo è stato poi portato via dalla polizia ed è ora in ospedale per accertamenti.

Imam ha evitato linciaggio dell'autista del van - Un imam della moschea dove c'è stato l'attacco ha evitato che la folla linciasse l'autista subito dopo l'incidente e lo ha "protetto" fino all'arrivo della polizia. Lo hanno riferito testimoni ai media britannici. Tali testimonianze sono in linea con quanto affermato dalla Muslim Welfare House, scrive la Bbc online, che ha ringraziato l'iman Mohammed Mahmoud "il cui coraggio è servito a calmare gli animi dopo l'incidente e a prevenire ulteriore spargimento di sangue".

May: "Polizia indaga per terrorismo" - In un primo momento la premier Theresa May ha parlato di "un terribile incidente": "i miei pensieri sono tutti per le vittime, la polizia e i servizi di soccorso" intervenuti sulla scena, aveva quindi aggiunto. Poco prima dell'alba è stata però la stessa May a rendere noto che la polizia sta indagando su quanto accaduto come "un potenziale attacco terroristico".

Imam: "Anche questo è terrorismo" - "Chiunque ha fatto questo, lo ha fatto per colpire delle persone e questo è terrorismo". Così Mohammed Kozbar, leader della moschea di Finsbury Park, ha commentato al Sun online quanto accaduto. "E' un attacco terroristico, come lo abbiamo chiamato a Manchester, a Westminster e a London Bridge", ha aggiunto Kozbar.



Sindaco Londra: "Terribile attacco terroristico" - Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha condannato il "terribile attacco terroristico contro persone innocenti". Su Facebook il primo cittadino della capitale britannica ha aggiunto che i suoi "pensieri e le preghiere vanno a tutti i colpiti".

Il ministro dell'Interno: "Dobbiamo restare uniti" - Il ministro dell'Interno Amber Rudd ha esortato "tutti a restare uniti e risoluti contro chiunque provi a dividerci e a diffondere odio e paura. Sono in contatto con la Metropolitan Police che ha confermato che sta indagando con il comando dell'antiterrorismo".

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/londra-furgone-su-fedeli-fuori-da-una-moschea-un-morto-e-8-feriti-arrestato-un-uomo_3077651-201702a.shtml

About MondoTempo Reale

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento