Giudice annulla multa: “il cartello era troppo complicato”



La storia è successa negli USA, ma lo stesso principio potrebbe essere applicato da noi per alcuni cartelli che, eufemisticamente, non brillano per chiarezza.

Un uomo di Seattle, nello Stato di Washington è riuscito a farsi annullare dal giudice una multa da oltre 200 dollari, con la motivazione che il cartello aveva “troppe parole”, rendendolo troppo complicato da comprendere rapidamente durante la guida. Il cartello doveva imporre il limite di 20 miglia all’ora in una zona scolastica, ma solamente in alcuni casi.

Il giudice Catherine Moore ha annullato una multa di 234 dollari rilasciata a Jason Canfield di Seattle nel maggio 2016, per aver guidato a 28 miglia all’ora in una zona dove il limite era 20 miglia per ora.

In un primo ricorso, la corte municipale aveva confermato la multa, ma l’uomo ha deciso di fare ricorso. Il segnale indica che il limite di 20 miglia/ora è valido “quando sono presenti bambini” e “oppure quando la luce lampeggia”.

“È sicuramente qualcosa che influenza il tuo tempo di reazione, perché hai bisogno di tempo per vedere un segnale, capirlo e poi frenare e rallentare”, ha detto Canfield ai giornalisti. “Ci vuole un bel po ‘per farlo”. L’uomo spera che la sua azione spinga la città ad aggiornare la segnaletica stradale, per renderla più chiara e così rendere le strade più sicure.

“Bisogna dare alla gente la possibilità di rispettare la legge, piuttosto che atteggiamenti del tipo ‘Questa volta ti abbiamo beccato, la prossima starai più attento‘”, ha dichiarato l’uomo.

https://notizie.delmondo.info/2017/07/31/2-giudice-annulla-multa-cartello-complicato/

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento