Ciclo solare 25: la diminuzione dell’attività solare porterà il gran freddo



Il 2018 è stato un anno senza macchie solari e l’attività della nostra stella è stata molto debole. Questo ha cominciato a influenzare il clima terrestre e i primi effetti si vedono già ora.
Il nostro Sole si sta comportando in modo molto strano, e questo comportamento insolito sta davvero iniziando a influenzare i nostri modelli meteorologici. Praticamente nel 2018 non si sono formate macchie solari, e l’attività solare è scesa a livelli allarmanti. Di conseguenza, la nostra atmosfera si è raffreddata e si sta restringendo, mentre gli esperti avvertono che ci stiamo dirigendo verso un inverno tristemente pungente e freddo.

E anche se l’inizio ufficiale dell’inverno è tra oltre un mese, il clima invernale ha già investito molte nazioni. Come vedrete in seguito, una gigantesca tempesta invernale sta per abbattersi nella costa orientale, ma quello che sta accadendo in Texas è ancora più snervante. Mercoledì mattina, la temperatura a San Antonio è crollata a soli 23 gradi Fahrenheit che ha completamente distrutto il vecchio record.

“Questa temperatura frantuma il vecchio record di 28 gradi registrato nel 1916”, il National Weather Service ha twittato nel meteo di mercoledì. Martedì sera poco prima di mezzanotte, la città ha raggiunto i 28 gradi, superando il record precedente di 29 set nel 1907, record mostrato.

In genere, le temperature di novembre sono significativamente più calde. La media delle massime del mese è di circa 71 gradi e le medie delle minime è di 51 gradi. Il minimo storico di San Antonio quest’anno è stato paragonabile ad altri anni, ma il suo livello medio alto, 66.6 gradi, è stato inferiore al normale.

A Houston, l’atmosfera è risultata ancora più strana, quando i residenti di Houston si sono svegliati mercoledì mattina, sono rimasti sbalorditi nel vedere la neve sul terreno …

Una vista incredibile sulla città con scintillanti grattacieli di Houston stamattina e probabilmente ha indotto molti a stropicciarsi gli occhi e a scuotere la testa. No, non sono i tuoi occhi a dirti bugie, ma piuttosto le prime nevicate mai osservate nella città di Houston e nelle aree circostanti.

È ufficiale, secondo il National Weather Service, che Houston abbia registrato la primissima nevicata mai osservata – e non solo di un giorno o due ma di ben 10 giorni! La nevicata precedente di cui si abbia traccia più vecchia è stata il 23 novembre 1979.

Non dovrebbe nevicare a metà novembre in Texas.
Anche la Louisiana ha avuto la sua nevicata. Su Twitter, un residente di West Monroe ha pubblicato una foto di neve che ricopre il suo veicolo mercoledì mattina, ed è subito diventato virale.

Sta accadendo qualcosa di molto usuale, ma i media mainstream non ne parlano perché evidentemente non si adatta alle loro teorie e su cui stanno spingendo.

E in tutta la zona orientale del paese, circa 80 milioni di persone stanno per essere investite da un perfetto esempio della nostra nuova realtà climatica.

Una tempesta invernale che è già responsabile di 2 morti porterà a un disordinato mix tra neve, nevischio e pioggia gelata a zone degli Stati Uniti centrali e orientali nei prossimi due giorni. Interruzioni di corrente, disagi a che si mette in viaggio e le chiusure delle scuole sono previste man mano che la tempesta si rafforza.

Oltre 80 milioni di persone vivono nella zona dove è in vigore il livello di allerta di tempesta invernale, dall’Arkansas al Maine su una distanza di circa 1.500 miglia.

Sì, tutti sapevano che alla fine ci saremmo diretti verso un minimo solare, ma l’attività solare non ci avrebbe dovuto abbandonare così tanto e così in fretta.

Questo insolito declino dell’attività solare sta causando un rapido raffreddamento e un restringimento della nostra atmosfera, e questo è molto allarmante per gli scienziati del clima come il Dr. Tony Philipps.



Nuovi studi sul minimo solare e il clima
Gli scienziati dicono che l’atmosfera della Terra sta per essere colpita da un freddo record – ma non a causa dell’uomo. È a causa della mancanza di macchie solari che significa una maggiore diminuzione delle onde ultraviolette che arrivano nella nostra direzione.

Il Dr. Tony Philipps di SpaceWeatherArchive.com ha riferito che nel 2018 non ci sono state praticamente macchie solari, e questo sta causando il raffreddamento della parte superiore della terra e persino un restringimento.

Un altro scienziato che sta dando l’allarme è Martin Mlynczak del Langley Research Center della NASA. Secondo lui, la Thermosphere Climate Index della NASA mostra ora una lettura “10 volte più piccola di quella che vediamo durante le fasi più attive del ciclo solare” …

Per aiutare a tenere traccia degli ultimi sviluppi, Martin Mlynczak del Langley Research Center della NASA e dei suoi colleghi hanno recentemente introdotto un “Indice del clima di Thermosphere”.

Il Thermosphere Climate Index (TCI) indica quanta molecole di ossido di azoto (NO) si riversano nello spazio. Durante il Solar Maximum, TCI è alto (che significa “Hot”); durante Solar Minimum, è basso (che significa “Cold”).

“In questo momento, è davvero molto basso … 10 volte più basso di quello che vediamo durante le fasi più attive del ciclo solare”, afferma Mlynczak.

10 volte più piccolo? Non suona bene. E secondo Mlynczak, questa diminuzione dell’attività solare potrebbe tradursi in “un record dell’età spaziale per il freddo”

“Vediamo una tendenza al raffreddamento”, afferma Martin Mlynczak del Centro di ricerca Langley della NASA. “Al di sopra della superficie terrestre, vicino al bordo dello spazio, la nostra atmosfera sta perdendo energia termica. Se le tendenze attuali continuano, potrebbe presto arrivare un record dell’eta dello spazio per quanto riguarda il freddo.”



Arriverà un inverno freddo, molto freddo.
Dall’altra parte dell’Atlantico, un altro esperto che sta dando l’allarme è Piers Corbyn. Crede che la mancanza di attività solare a cui stiamo assistendo potrebbe produrre rapidamente un’altra “mini glaciazione” …

Le previsioni sull’attività solare e sulle correnti a getto suggeriscono un modello di freddo simile a quello della storica Mini Ice Age, avvenuta durante la metà del XVII secolo.

Il periodo altrimenti noto come la piccola era glaciale attanagliò l’Europa e il Nord America e vide i britannici tenere fiere del gelo sul fiume Tamigi ghiacciato.

“Quello che stiamo osservando è un modello di circolazione simile a quello osservato durante la mini-era glaciale”, ha riferito Corbyn.

Ciò a cui si riferisce è un periodo di sostanziale raffreddamento globale che si è verificato durante “il minimo di Maunder”. Se non hai familiarità con “il minimo di Maunder”, il seguente è ciò che Wikipedia ha da dire al riguardo …

Il minimo di Maunder , noto anche come “minimo prolungato delle macchie solari”, è il nome usato per il periodo tra il 1645 e il 1715 durante il quale le macchie solari divennero estremamente rare, come fu notato dagli osservatori solari.

Durante quel periodo, l’agricoltura divenne molto più difficile e orribili carestie esplosero in tutto il mondo.

Se il nostro pianeta sta entrando in un periodo simile, ci troveremo in una situazione molto difficile e molto rapidamente. Oggi produciamo a malapena abbastanza cibo per nutrire l’intero globo, e quindi un importante cambiamento climatico a livello mondiale potrebbe potenzialmente produrre un caos senza precedenti su scala globale.

Speriamo quindi che l’attività solare ritorni presto alla normalità, perché se così non fosse, l’impensabile potrebbe succedere.

Per gentile concessione di The Economic Collapse Blog

Fonte: dcclothesline

Fonte: https://www.attivitasolare.com/

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento