Antiche maledizioni contro i tavernieri ateniesi

Una delle maledizioni (Jessica Lamont)

Cinque tavolette di piombo che maledivano i tavernieri circa 2.400 anni fa sono state scoperte nella tomba di una giovane donna ad Atene, in Grecia.
Quattro tavolette erano incise con maledizioni che invocavano i nomi di dèi “ctoni” (sotterranei), chiedendo loro di colpire quattro diverse coppie di tavernieri, marito e moglie, ad Atene. La quinta tavoletta era bianca e probabilmente gli era stata recitata oralmente una formula magica o un incantesimo.
Tutte le cinque tavolette erano forate con un chiodo di ferro, piegate e deposte in una tomba. La tomba avrebbe fornito alle tavolette un percorso verso quegli dèi, che secondo le credenze antiche avrebbero quindi eseguito le maledizioni.
La maledizione dell’orecchio del cane
Una delle maledizioni colpì i tavernieri, moglie e marito, chiamati Demetrios e Phanagora. Recita:
«Getta il tuo odio contro Phanagora e Demetrios e la loro taverna e la loro proprietà e le loro possessioni. Legherò il mio nemico Demetrios, e Phanagora, nel sangue e nelle ceneri, con tutti i morti…»
«Ti legherò così tanto, Demetrios, più forte possibile, e colpirò la tua lingua con un kynotos»
La parola kynotos significa leteralmente “orecchio di cane”, un antico termine del gioco d’azzardo che “era il nome per il più basso possibile tiro di dadi”, dice Jessica Lamont, assistente alla John Hopkins University di Baltimora che recentemente ha completato un dottorato in studi classici. «L’atto fisico di martellare un chiodo in una tavoletta di piombo avrebbe ritualmente richiamato questo voluto sentimento», scrive Lamont. «Colpendo la lingua di Demetrios con questo lancio sfortunato, la maledizione rivela che le taverne locali non erano solo dei luoghi dove bere, ma ci si giocava d’azzardo e si svolgevano altre sgradevoli attività nella Atene classica», dice Lamont.
Una tomba di donna
La tomba con le cinque tavolette era stata scavata nel 2003 dagli archeologi a nordest del Pireo, il porto di Atene. I dettagli della sepoltura non sono stati pubblicati, ma secondo i resoconti di scavo conteneva i resti cremati di una giovane donna. Lamont ha studiato le tavolette nel Museo del Pireo, dove sono ora custodite.
«Il modo in cui funzionano le tavolette con maledizioni comporta il depositarle in un luogo sottoterra», come una tomba o un pozzo, spiega Lamont a Live Science. «Si pensa che questi posti sotterranei forniscano un condotto con cui le maledizioni raggiungano il mondo ultraterreno», e i suoi dèi ctoni eseguirebbero dunque le maledizioni.
La donna sepolta nella tomba potrebbe non aver avuto nulla a che fare con i tavernieri. Forse morì nel momento in cui qualcuno voleva lanciare delle maledizioni su altri della stessa comunità.
Durante le cerimonie per la morte della donna, la tomba «sarebbe stata accessibile, un buon punto d’accesso per qualcuno che volesse depositare queste tavolette sottoterra e seppellirle», dice Lamont.
(Jessica Lamont)
(Jessica Lamont)
(Jessica Lamont)
(Jessica Lamont)
Chi ha lanciato le maledizioni?
La scrittura di queste tavolette è netta, e la sua prosa è eloquente; in altre parole vennero scritte da un professionista. «È molto raro ottenere qualcosa di così esplicito, lungo e magnificamente scritto, ovviamente in un modo terribile», dice Lamont.
Lo scrittore, che verosimilmente forniva altre prestazioni soprannaturali – inclusi amuleti, incantesimi e formule magiche – probabilmente lavorava nel settore delle taverne di Atene. Forse era un concorrente commerciale delle quattro coppie.
Lo studio è stato recentemente pubblicato su Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik.

Mondo Tempo Reale

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment