Milano, imprenditore lascia in eredità 4 milioni di euro ai lavoratori



Lʼimprenditore Luciano Tamini, che si è spento a 85 anni, ha stabilito come ultime volontà che 15mila euro andassero agli operai e 10mila agli impiegati

Quindicimila euro a ogni operaio, 10mila a ogni impiegato e otto ore di permesso per partecipare al suo funerale. Queste le ultime volontà dell'imprenditore Luciano Tamini, scomparso il 1° luglio all'età di 85 anni, patron dell'omonima azienda di famiglia, che si occupa di produrre trasformatori elettrici, con sede nell'hinterland milanese. La lista degli imprenditori-benefattori alla loro morte si allunga.

Sono circa 300 i lavoratori della Tamini che usufruiranno di questo lascito: tutti coloro, cioè, che erano alle dipendenze dell'azienda al momento della cessione al gruppo Terna e che vi lavorano ancora.

La Tamini fu fondata 101 anni a Milano; a 21 anni Luciano ne prese le redini facendo diventare la sede di produzione di Melegnano "la Ferrari dei trasformatori". Nel 2014 la cessione a Terna ; nel 2016, nel centenario del marchio, arrivano la cassaintegrazione e l'estromissione del patron dalla carica di presidente onorario. Poi una breve malattia e la morte, con sorpresa finale.

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/milano-imprenditore-lascia-in-eredita-4-milioni-di-euro-ai-lavoratori_3082397-201702a.shtml

About Mondo inTempoReale

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento