Ci sono state civiltà terrestri prima della nostra?

E se una civiltà ci avesse preceduto, sapremmo accorgercene?|SHUTTERSTOCK
È possibile che in passato, popolazioni non umane abbiano lasciato tracce del loro passaggio sul Pianeta? Se sì, perché non ce ne siamo ancora accorti? E quale saranno, invece, le nostre impronte?

Non facciamo che interrogarci sull'esistenza (e la reperibilità) di civiltà aliene, ma come facciamo a essere certi che la nostra sia l'unica civiltà che abbia mai messo piede sulla Terra? Se milioni di anni fa un'altra popolazione non umana avesse lasciato tracce della sua esistenza sul Pianeta, sapremmo ritrovarle?

La domanda è al centro di un'analisi pubblicata sull'International Journal of Astrobiology, ben illustrata sul sito dell'Atlantic. Siamo abituati a considerare "civiltà scomparse" quelle che hanno lasciato dietro di sé rovine di sontuosi palazzi, statue e sculture. Reperti di questo tipo sono l'ideale per studiare popolazioni vissute e sparite alcune migliaia di anni fa. Ma se consideriamo una distanza temporale di decine, centinaia di milioni di anni fa, le cose si complicano.

CHE COSA CERCARE? A partire dalle basi: la più grande superficie di terra estesa e "piatta", non rimescolata da processi geologici, si trova nel Deserto del Negev (Israele) e risale a 1,8 milioni di anni fa. Le superfici più antiche rispetto a questa data sono visibili in sezione in campioni di roccia, rimescolate da processi vulcanici, o sono finite polverizzate dall'erosione. Inutile pensare di trovarne ancora traccia.

Certo, ci sono sempre i fossili. Ma solo una minuscola frazione dei resti di viventi fossilizza correttamente, e questa possibilità dipende dall'habitat e dal tempo a disposizione. Sarebbe per esempio molto facile non avere tracce fossili di una civiltà vissuta "soltanto" per 100 mila anni, un periodo comunque 500 volte più esteso della "nostra" civiltà industriale.

DIETRO DI NOI... Potremmo chiederci su quali prove dovrebbe basarsi la ricerca di una presunta civiltà Siluriana (un termine che gli autori dello studio hanno tratto dal Dr. Who: è il nome di una civiltà di Rettili precedente l'umanità). Per provare a rispondere, consideriamo quali tracce lascerebbe la civiltà umana, se si estinguesse adesso.

Tra 100 milioni di anni, i geologi rintraccerebbero nei sedimenti terrestri le tracce del massiccio uso di fertilizzanti azotati cui ricorriamo per sfamare 7 miliardi di bocche. Troverebbero residui delle terre rare che estraiamo per soddisfare la nostra ossessione per la tecnologia. E, senza dubbio, raccoglierebbero plastica: l'onnipresente residuo dell'Antropocene arrivato fino all'Artico, entrato nel ciclo dell'acqua e nella catena alimentare, finirà degradato in micro-frammenti che si depositeranno in uno spesso e rintracciabile strato sui fondali oceanici.



Ma la traccia più persistente della civiltà umana sarà, ironicamente, anche la più probabile causa della sua scomparsa: l'utilizzo dei combustibili fossili, con l'immissione di CO2 in atmosfera. Sappiamo che la produzione di anidride carbonica modifica la concentrazione di isotopi di carbonio in atmosfera, "diluendo" per esempio la quantità dell'isotopo di carbonio-14: questo fenomeno, noto come effetto Suess (dal nome del chimico austriaco che per primo lo descrisse) sarà riscontrabile nella datazione al radiocarbonio sfruttata da futuri archeologi.

MODIFICHE A TEMPO RECORD. Se la civiltà umana è in grado di lasciare tracce indelebili sulla geologia del Pianeta, possiamo cercare qualcosa di simile anche per altre eventuali civiltà del passato? La storia della Terra non è priva di squilibri isotopici simili a quello che causerà l'Antropocene (cioè l'epoca in cui viviamo): ne troviamo traccia, per esempio, nelle rocce del Massimo termico del Paleocene-Eocene, un periodo di riscaldamento globale avvenuto circa 55 milioni di anni fa.

In questo frangente della storia terrestre, le temperature globali aumentarono di circa 6 °C nell'arco di 20 mila anni, e furono immesse grandi quantità di carbonio in atmosfera. Ma tutto ciò avvenne, appunto, in diverse migliaia di anni, non in una manciata di decenni come è stato, ed è tuttora, per l'Antropocene. Ciò che rende la nostra epoca eccezionale, in termini geologici, è la rapidità con la quale stiamo modificando l'ambiente naturale.

PASSO LEGGERO. C'è stata quindi un'altra civiltà terrestre, prima della nostra? Gli autori dello studio credono di no. Ma la lezione che possiamo trarne è che qualunque civiltà che, sfruttando le risorse della Terra, divenisse abbastanza avanzata dal punto di vista tecnologico, finirebbe inevitabilmente col lasciare tracce di sé sul Pianeta. Più una civiltà sarà capace di trovare soluzioni sostenibili per auto-alimentarsi, minori saranno gli indizi del suo passaggio che troveranno i posteri.

https://www.focus.it/scienza/scienze/ci-sono-state-altre-civilta-terrestri-prima-della-nostra

About Sandu Trica

Mondo Tempo Reale è il blog che dal 2010 vi racconta le notizie più incredibili, strane, curiose e divertenti: fatti imbarazzanti, ladri imbranati, prodotti assurdi, ricerche scientifiche decisamente insolite.
{[['']]}
    Blogger Comment
    Facebook Comment

1 commenti:

  1. Immagino sia stata un'esperienza adrenalinica ed emozionante

    RispondiElimina